BIOECONOMY Village @Maker Faire Rome 2018

Novità 2018: Il padiglione Circular Eni sull’economia circolare, la bioeconomia e la sostenibilità

Quest’anno Maker Faire Roma 2018 dedicherà un padiglione espositivo (il numero 6) alla sostenibilità, all’economia circolare e alla bioeconomia. Questi temi erano già presenti a Maker Faire Rome 2017, in uno spazio espositivo dedicato: il BIOECONOMY Village promosso dai Progetti BIOWAYS e STAR-ProBio finanziati dalla Commissione Europea e da BBI JU.

Il padiglione si propone, attraverso l’esposizione di prodotti, esempi, laboratori tematici e dimostrazioni pratiche, di mostrare ai visitatori in modo chiaro e coinvolgente come l’economia circolare e la bioeconomia facciano sempre più spesso parte nella nostra vita quotidiana e come le scelte consapevoli dei consumatori possano avere un impatto positivo sull’ambiente, la società e l’economia.

Il padiglione ha l’obiettivo di sensibilizzare ed informare il grande pubblico, migliorare la conoscenza sui prodotti di origine rinnovabile e promuovere le applicazioni ed i benefici della Bioeconomia, dell’economia circolare e della sostenibilità, favorendo il dialogo, il confronto e la condivisione tra il grande pubblico ed i rappresentanti di università,  centri di ricerca, progetti, aziende, associazioni e start-up. Inoltre vuole rafforzare la discussione tra i soggetti che fanno dello sviluppo sostenibile e della bioeconomia un impegno concreto, consolidando le collaborazioni esistenti e coinvolgendo nuovi attori nella realizzazione dell’iniziativa.

Anche quest’anno il BIOECONOMY Village, promosso dai Progetti BIOWAYS, STAR-ProBio, BIOVOICES e BIOBRIDGES finanziati dalla Commissione Europea e da BBI JU, è presente a Maker Faire, nel padiglione Circular Eni e coinvolge 47 tra progetti nazionali ed europei, centri di ricerca, start-up, organizzazioni ed associazioni:

06 scienza; Agrimax project; ApuliaKundi; Assobioplastiche; BioCannDo project; BIOWAYS project; BIOBRIDGES project; BIOVOICES project; BIOENERGY; Chimica Verde Bionet;CISA; CNR; Confindustria Bari e BAT; Curioctopus; DimLab; Enea; ETa Blades; Frascati Scienza; G.Eco;Giornalisti Nell’Erba; Green Evolution; iGreen Gadgets; ISIA Roma Design; Legambiente; Ludis; Ma.Re. project; Mercato Circolare; Minimo Impatto; Naturins; Novamont;Pin Bike; Portatelovunque; PRESPAGLIA ITALIA SRLS; Progetto Mermaids; RESTART; Rifò; RoadToBio project; Roelmi HPC; ScienzImpresa; Singtex; Synbra Technology; Spireat; Socrate; South Hemp Tecno; STAR ProBIO project; Università di Bari; Università di Bologna; Università di Roma La Sapienza;

Durante i tre giorni della fiera Maker Faire Rome e Eni (Main Sponsor della Manifestazione) organizzeranno tre tavole rotonde sul tema dell’economia circolare e della bioeconomia.

Sabato 13 Ottobre dalle 12.00 alle 13.50 Susanna Albertini (FVA) a nome dei progetti BIOVOICES e BIOWAYS interverrà  alla tavola rotonda LA BIOECONOMIA E L’AVVENTO DEI NEOMATERIALI moderata da Mauro Spagnolo.

La tavola rotonda affronterà i seguenti temi: Come sta cambiando la vita dei cittadini attraverso l’adozione di nuovi modelli economici basati sull’utilizzazione sostenibile delle risorse naturali e sulla loro trasformazione in servizi e beni fino ad ora prodotti da fonti fossili? La bioeconomia avrà davvero la capacità di sostituire radicalmente i sistemi economici tradizionali e con quali limitazioni prestazionali per le famiglie italiane? Quali ripercussioni avrà lo sviluppo delle biotecnologie e delle bioenergie sul nostro sistema sociale?
A questa, e a molte altre domande, risponderanno i maggiori esperti nazionali del settore cercando di analizzare in quale modo lo sviluppo delle materie prime seconde aprirà nuovi mercati, quali sono le potenzialità ambientali ed economiche del settore e quali i fattori che frenano il suo potenziale rapido sviluppo.

Vi aspettiamo con il BIOECONOMY Village il 12, il 13 e il 14 ottobre alla nuova Fiera di Roma, Padiglione 6 Stand H2!